La Pet Therapy consiste in uno o più incontri di terapia psicologica pensata per aiutare un singolo paziente o più gruppi a interagire con animali di vario tipo, come cani, gatti e cavalli. Differenti studi in tutto il mondo hanno evidenziato come l'assistenza degli animali sia particolarmente indicata per chi è affetto da problemi fisici o comportamentali, oppure per chi soffre di disturbi gravi come dipendenze, schizofrenia o depressione.

In Italia sono presenti tanti siti di rara bellezza ma questo, situato nella località salentina conosciuta come Roca di Melendugno, è veramente uno dei più belli e anche dei più visitati. Stiamo parlando della Grotta della Poesia, o meglio, delle due caverne che costituiscono il sito: la Grotta della Poesia Grande e quella della Poesia Piccola. La prima è una delle piscine naturali più belle al mondo, un tripudio di colori che vanno dal blu cobalto al verde smeraldo: collegandosi con il mare aperto tramite un affascinante percorso da intraprendere a nuoto, rappresenta veramente un'esperienza emotiva unica nel suo genere. La seconda è più nascosta, meno visibile e non balneabile: la tradizione vuole che fosse uno dei luoghi più propizi per la pesca.

La gastronomia salentina è ricca di sapori e piatti unici nel loro genere che attirano migliaia di turisti ogni anno sia nel periodo estivo che in quello invernale. Uno dei loro prodotti tipici è la frisa, una sorta di pane realizzato con farina di grano duro, che dopo essere stato cotto una prima volta, viene tagliato a metà e poi viene cotto nuovamente. La frisa è considerata uno dei cibi della cucina povera ed è da sempre il simbolo del Salento (qui è conosciuta con il termine di friseddha).

Lo Spumone Leccese, insieme al pasticciotto, rappresenta il dolce tradizionale salentino per eccellenza. Tanto famoso da essere stato reinterpretato nelle più disparate varianti, ha una ricetta tradizionale con origini niente meno che campane. Ebbene sì, lo spumone leccese non nasce in Puglia, anche se è stato adottato e fatto proprio, nel tempo, da questa meravigliosa regione del bel paese. Si narra infatti, che la diffusione dello spumone sia da ricercare presso le casate nobiliari napoletane del XIX secolo. Questa tradizione prese piede nel XX^ secolo comparendo sempre più frequentemente durante feste e ricorrenze. Col tempo, lo spumone è scomparso dalle tavole campane diffondendosi in Salento e diventando parte integrante della sua offerta dolciaria.