L'arrivo del mese di settembre decreta la fine dell'estate e, con essa, la fine delle vacanze. Rientrare a lavoro e riprendere la solita routine può essere davvero stressante con effetti deleteri per la mente e per il corpo: senso di stanchezza, nervosismo e senso di oppressione sono effetti ricorrenti, indissolubilmente correlati alla inevitabile vita frenetica che contraddistingue le giornate dell'uomo moderno. La sindrome da rientro è molto più comune di quanto sembri e non di rado causa disturbi della concentrazione, perdita di entusiasmo e continui mal di testa. L’ansia inizia a bussare alla porta della nostra mente e ci ricorda l'imminenza del ritorno alla stressante vita di tutti i giorni tra lavoro, impegni e scadenze da rispettare. Scegliere di trascorrere un ultimo weekend a La Casarana, in Salento, è davvero un ottimo modo per rendere graduale e meno traumatico il rientro dalle tanto meritate vacanze estive.

La Pet Therapy consiste in uno o più incontri di terapia psicologica pensata per aiutare un singolo paziente o più gruppi a interagire con animali di vario tipo, come cani, gatti e cavalli. Differenti studi in tutto il mondo hanno evidenziato come l'assistenza degli animali sia particolarmente indicata per chi è affetto da problemi fisici o comportamentali, oppure per chi soffre di disturbi gravi come dipendenze, schizofrenia o depressione.

In Italia sono presenti tanti siti di rara bellezza ma questo, situato nella località salentina conosciuta come Roca di Melendugno, è veramente uno dei più belli e anche dei più visitati. Stiamo parlando della Grotta della Poesia, o meglio, delle due caverne che costituiscono il sito: la Grotta della Poesia Grande e quella della Poesia Piccola. La prima è una delle piscine naturali più belle al mondo, un tripudio di colori che vanno dal blu cobalto al verde smeraldo: collegandosi con il mare aperto tramite un affascinante percorso da intraprendere a nuoto, rappresenta veramente un'esperienza emotiva unica nel suo genere. La seconda è più nascosta, meno visibile e non balneabile: la tradizione vuole che fosse uno dei luoghi più propizi per la pesca.

La gastronomia salentina è ricca di sapori e piatti unici nel loro genere che attirano migliaia di turisti ogni anno sia nel periodo estivo che in quello invernale. Uno dei loro prodotti tipici è la frisa, una sorta di pane realizzato con farina di grano duro, che dopo essere stato cotto una prima volta, viene tagliato a metà e poi viene cotto nuovamente. La frisa è considerata uno dei cibi della cucina povera ed è da sempre il simbolo del Salento (qui è conosciuta con il termine di friseddha).


Top