Visitare Lecce e Dintorni

Avete in programma una vacanza a sud e non sapete come ottimizzare al meglio il tempo? Lecce è uno dei cuori pulsanti del Salento, una di quelle città di cui innamorarsi a prima vista, per tanti motivi. Ecco un itinerario che vi guiderà alla scoperta di una meta tra le più ambite, culla di civiltà antiche e del Barocco, un luogo in pieno fermento culturale tutto l’anno, con tradizioni e riti ben saldi, che sopravvivono al passare del tempo.

Per cominciare ci teniamo a darvi un suggerimento che potrà forse apparire insolito, calato in un contesto in cui tutto è corsa e velocità, ma che proprio per questo amiamo enfatizzare.

Se vi trovate in Salento presso La Casarana Resort e avete voglia di visitare Lecce e dintorni senza ricorrere alla vostra auto, non lasciatevi dissuadere da chi dice che è un’impresa ardua o impossibile.
Le Ferrovie Sudest, infatti, sono una soluzione molto efficiente e poetica al tempo stesso per lanciarvi alla scoperta di un territorio pieno di storia, natura meravigliosa e arte. Sul sito di riferimento potrete trovare tutte le tratte da seguire, i relativi orari, e intraprendere micro viaggi a sud con vetture che si snodano in percorsi emozionanti e silenziosi, oltre he davvero caratteristici.

Un’alternativa da tenere in considerazione se siete amanti delle vacanze non programmate e lunghe passeggiate, ma anche se siete alla ricerca di quella porzione di sud ancora vero e autentico, uno spettacolo da gustare posto finestrino.

Lecce

Partire da Lecce significa addentrarsi in una città dall’atmosfera quasi surreale, inondata di luce di giorno, la stessa che si riflette su ammattonati candidi, su palazzi storici, monumenti e chiese, ovattata e avvolta nell’abbraccio della sera, tra sfumature di tramonti aranciati e il riverbero su statue, spazi ampi, persone.
Addentrarsi tra le strade del centro storico è il primo passo per visitare la cittadina e calarsi appieno nell’atmosfera salentina, fatta di sorrisi ricambiati per strada, ospitalità, rumori di piatti e tazzine che attendono di essere riempite di caffè fumante. Piazza Sant’Oronzo, dominata dalla statua del santo omonimo, protettore della città, è il centro da cui si irradiano diversi percorsi da intraprendere per scoprire la bellezza di luoghi storici, dall’Anfiteatro Romano al Duomo, Palazzo dei Celestini, la Basilica di Santa Croce. Una vera e propria raccolta di gioielli che testimoniano il barocco fiorente che rende Lecce unica, oltre che inimitabile.
Un Barocco autentico e fiorente, tangibile in ogni parte, che raggiunge il culmine nella Basilica di Santa Croce, costruzione imponente e opera tra le più geniali che riesce a conservare elementi di stile romanico perfettamente integrati con soluzioni barocche. Una costruzione che venne realizzata grazie al susseguirsi di tre generazioni di maestri e architetti leccesi (Gabriele Riccardi, Francesco Antonio Zimbalo, Cesare Penna e Giuseppe Zimbalo) nell’arco di un secolo abbondante.

Muoversi nel centro cittadino è piacevole, soprattutto verso sera, quando il caldo estivo concede una piccola tregua e concedersi una pausa in un caffè, seduti al fresco a gustare prelibatezze e snack locali, è una tappa obbligata.
Tante e tutte stupende le meraviglie da ammirare, prima di recarsi in uno dei ristorantini tipici del luogo, dal Conservatorio Sant’Anna, al Castello Carlo V, sede di diverse mostre ed eventi interessanti, ma anche le varie Porte che aprono un varco e segnano l’accesso alla città (Porta Napoli, Porta Rudiae), le chiese imponenti, Santa Irene, San Matteo, Sant’Angelo, Santa Chiara, Piazza Duomo e il suo campanile, ma anche l’Anfiteatro romano, solida e rassicurante testimonianza romana in tutta la penisola salentina.

 

Le marine vicine

Visitare Lecce e dintorni significa anche uscire al di là del perimetro cittadino vero e proprio e decidere di intraprendere percorsi alternativi, in varie direzioni. Vi prospettiamo quelle più allettanti e quelle fattibili in una giornata, in modo da condensare al meglio il vostro tempo e lasciarvi spazio per godere tanto dell’entroterra, quanto della costa meravigliosa che lo circonda. Se avete voglia di scoprire qualcosa di più delle marine limitrofe partite alla volta di San Cataldo, la marina più vicina, scendendo poi a sud verso San Foca e Torre dell’Orso, non ve ne pentirete.

Quel che ognuno di questi luoghi ha da offrire è senza dubbio un mare a cinque stelle, coste prevalentemente sabbiose, orlate da acque cristalline, in cui ritagliarsi il giusto tempo per il relax più assoluto, distesi al sole in stabilimenti attrezzati e con tutte le comodità. Potrete decidere se addentare un panino al volo o sedere in uno dei tanti ristorantini che sorgono proprio sulla riva, per gustare piatti a base di pescato fresco, crudi, ricci e tantissime altre delizie. Nulla vieta che possiate proseguire la vostra esplorazione continuando verso sud, spingendovi sino a Otranto, suggestivo e incantevole borgo in cui far tappa per shopping, o per visitare il Castello aragonese, la rinomata cattedrale di Santa Maria Annunziata o anche solo per una passeggiata sul lungomare.
Dipende tutto dal tempo che vorrete dedicare a ogni tappa e al piacere della scoperta, con la consapevolezza che qualsiasi luogo nei dintorni leccesi avrà qualcosa di speciale e irripetibile, che sia un dettaglio, uno scorcio, un momento.

Le città limitrofe

Muovendosi di poco oltre a visitare Lecce e dintorni potrete scoprire veri e propri gioielli e capolavori d’arte di una bellezza assoluta. Galatina, ad esempio, è una delle cittadine che vi consigliamo di esplorare, uno di quei luoghi in cui fare tappa se siete in zona, anche solo per scoprire i tanti monumenti e tradizioni che restano consolidate nei secoli. Tra i monumenti non potete non addentrarvi in uno dei più conosciuti, da sempre celebrato e rinomato soprattutto per il tripudio di affreschi che lo caratterizzano: la trecentesca Basilica di Santa Caterina d’Alessandria. Un gioiello, un vero e proprio scrigno di cultura, di testimonianze di arte gotica, ma anche di opere pittoriche immani come quella realizzata da Francesco d’Arezzo, al centro dell’attenzione da parte di critici e studiosi tanto da far considerare la basilica seconda solo a quella di San Francesco d’Assisi. Se siete nei dintorni della basilica a pochissimi passi, tra l’altro, potrete assaggiare uno dei pasticciotti più buoni del Salento, nella pasticceria Ascalone.

Spostandovi di poco da Galatina, potrete addentrarvi in un’altra cittadina davvero suggestiva, Nardò, con un centro storico che è un vero e proprio inno al barocco e che trova il suo apice nella piazza da cui si snoda tutto: Piazza Salandra.
Luminosa e suggestiva tanto di giorno quanto al calare del sole, la piazza ospita la Guglia dell’Immacolata, di origine quattrocentesca, ma anche diverse chiese. Passeggiate nel centro e avviatevi tra le stradine che si snodano attorno al centro cittadino, scoprirete una cittadina da un guscio moderno, ma con un cuore antico e prezioso davvero stupefacente.

Andando verso sud potrete imbattervi in Maglie, un’altra cittadina davvero signorile, curata, caratterizzata da un centro in cui vicoli e stradine si incrociano sino quasi a formare veri e propri labirinti in cui ammirare palazzi e monumenti solide testimonianze dell’arte barocca.

Uno dei pregi del Salento è che, una volta messi in auto, potrete decidere di muovervi con assoluta tranquillità in lungo e in largo per visitare Lecce e dintorni, spaziando da una costa all’altra e decidere quali tappe intermedie programmare. La cosa importante è che sappiate che ogni meta ha tanto da offrire, sia in termini di storia, arte, cultura, che di tradizioni, per cui il consiglio è quello di procedere per gradi e senza corse, adattandovi ai tempi leggeri e ai ritmi del sud, scanditi da sorrisi, chiacchiere con la gente del luogo, suggerimenti cortesi e ospitalità sincera.

Blog Attachments

Lascia un commento

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami